La F1 sta diventando il peggior processo di Biscardi. J’accuse 

Sto invecchiando male mi sa quindi se non siete in accordo insultatemi pure. Non è possibile che dopo i i gp, per qualsiasi cosa,più o meno eclatante, ci sia da discutere su tutto. Trovare una figura da crocifiggere in sala mensa di Fantozziana memoria per ore e ore.

No  ci va più bene nulla…ne quando i piloti lottano,ne quando i piloti non lottano. Ne quando usano troppo la radio, ne quando non la usano. Ne quando escono di un millimetro dal cordolo ne quando rispettano troppo le regole. 

Sembra di essere in un costante processo di Biscardi. Gli appassionati di motori fino a poco tempo fa si vantavano di non essere come i tifosi di calcio brutti,sporchi,cattivi e con qualcosa di represso da sfogare i fine settimana. Ma dalle 16 in poi di ogni domenica apriti cielo.Ormai non si distingue più il vero appassionato dal tifoso…si vuole la vera F1 e poi quando in pista succede qualcosa che si discosta dai regolamenti assurdi e demenziali che vogliono questi piloti come dei robot, tutti a far caciara,insultare e imprecare che manco nei campi di terza categoria (che chi scrive a fine “carriera” ahimè ha frequentato).

Ma la colpa sta anche in quei 22 li in pista che prima vogliono farci credere che sono stufi di queste regole sportive e poi piangono e ne chiedono di più stringenti…ormai gli metteranno dei sensori anche nel culo per vedere se scordolano in bagno.

Hanno capito come lamentarsi via radio ed usare media,tv e social. Ma se pensassero a fare gli uomini a telecamere spente e risolvere tra loro le cose ne guadagneremo tutti. La realtà è che non c’è più un Brambilla che prende a cazzotti Hunt (aveva il casco James per fortuna) per spiegargli come non rompergli le palle in pista. Non c’è più Alboreto che inchioda di fronte a Senna al costo di farsi inchiappettare per insegnare al giovane brasiliano che in pista ci sono anche gli altri. Non c’è più Mansell che rende Senna e lo attacca al muro…Non ci sono più uomini con le palle…li rimpiangiamo ma alla prima opportunità ci lamentiamo all’infinito se qualcosa non va come dovrebbe al nostro beniamino.

Guardiamo la gara e viviamo serenamente il poi senza travestirci da hooligans del motorsport. Anche perché,per far dei nomi,  ieri era Senna, poi Schumacher, poi Hamilton e ora Verstappen…domani chissà…ah però son tutti campioni del mondo tranne uno di quei 4 nomi li…meditate.

Annunci

10 thoughts on “La F1 sta diventando il peggior processo di Biscardi. J’accuse 

  1. E’ la sindrome di chi si sente più bravo a fare qualcosa rispetto agli specialisti solo perchè ne parla…Quante volte si sente commentare “questo è pazzo”, “questo non ha la testa”, “neanche io avrei fatto una manovra del genere”, “dategli la bandiera nera”, “mandatelo al manicomio” da gente che non sa una sega di niente…No non è pazzo, è semplicemente uno che ha fatto un errore, ha giudicato male una frenata piuttosto che una manovra, stop…Capita mille volte dappertutto in tutte le categorie di tutto il mondo…Tanta gente non sa che gli incidenti capitano, senza dover per forza dare la colpa all’uno o all’altro…Io ricordo ancora le risate che mi sono fatto per tutti quelli che hanno insultato Kvjiat a Sochi…C’è tanta di quella gente che si rende ridicola senza saperlo…Sono tutti professori, vogliono tutti la ghigliottina in piazza perchè sono tutti senza macchia e vogliono per forza che cadano delle teste per sentirsi appagati e soddisfare la propria frustrazione…Il più delle volte invece si dimostrano degli ignoranti cosmici.

    Mi piace

      1. Social network, c’è tanta gente che con la scusa della libertà di opinione dice quello che vuole anche quando nessuno glielo chiede…Il blog di Leo Turrini e i gruppi di formula uno su facebook insegnano, li c’è tanta di quella spazzatura da rabbrividire.

        Mi piace

  2. Immagino Gilles Villeneuve correre oggi magari per la RedBull…Immagino gli insulti ahaha…La RedBull ha fatto male a tanti ferraristi, ce ne sono tanti che provano del rancore ingiustificato nei loro confronti

    Mi piace

  3. semplicemente tanta gente non conosce le corse dal vivo, le vede in tv pensando sia una specie di videogioco e si sentono in diritto di esprimere la propria opinione pur non capendone una sega. Parafrasando Umberto Eco che diceva che internet dà voce anche ai deficienti facendoli credere autorevoli, lo stesso vale per molti telespettatori di F1: vedere un GP in TV da voce anche a quegli ignoranti che credono di improvvisarsi esperti. e di saper davvero giudicare quel che passa per la testa di un pilota o di quel che accade su un’auto da corsa

    Mi piace

  4. Ho appena rivisto l’incidente tra Hunt e Andretti nel gran premio di Zandvoort del ’77

    Un bell’esempio di forcing another driver off the track ahahah…Come ci siamo ridotti oggi.

    Mi piace

  5. O una partenza di Long Beach ’77…Non capirò mai chi dice che in partenza non si deve rischiare…La gara comincia dopo lo spegnimento dei semafori mica dopo la prima curva, chi l’ha detto che non si devono tentare i sorpassi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...