TOP GEAR ITALIA…COSA ASPETTARSI QUANDO SI ASPETTA

Oggi abbiamo un guest post di un amico che ci segue da tanto e molto appassionato di automobilismo. Parliamo di Top Gear italiano che dovremmo vedere prossimamente su sky. Un articolo che vi propongo perchè condivido ogni singola riga. Buona lettura.

Ho letto che due su tre futuri presentatori di Top Gear Italia saranno Guido Meda e Joe Bastianich. Nella speranza che almeno il/la terzo/a sia una persona competente, mi sono lasciato andare ad una (inizialmente piccola) riflessione.

Innanzitutto, le basi, per chi non guarda Top Gear (ma inspiegabilmente sta leggendo un articolo di cui è tema principale), o per chi ne è un telespettatore casuale, non appassionato. Per capire con cosa competerà l’edizione Italiana, prendiamo le due edizioni di Top Gear trasmesse da noi, oltre ad essere le due più guardate nel Mondo. Abbiamo Top Gear UK, l’originale e Top Gear USA.

Nel dettaglio, i presentatori:

Top Gear UK

Jeremy Clarkson – Già presentatore dell’originale Top Gear, stimato (o odiato, dipende dai punti di vista) giornalista automobilistico con decenni di esperienza. Scrive tutt’ora articoli per vari giornali.

Richard Hammond – (Almeno inizialmente) il pesce fuor d’acqua. Ex DJ radiofonico e presentatore di programmi come Total Wipeout (una sorta di Takeshi’s Castle inglese), Brainiac o simili, rivolti all’instrattenimento. Ad ogni modo nel corso degli anni ha imparato molte cose, si è comunque rivelato un vero petrolhead.

James May – Giornalista automobilistico con esperienza decennale pure lui, anche lui ha presentato Top Gear classico, sebbene solo negli ultimi anni, non per un decennio come Clarkson. Ha lavorato per Autocar, uno dei più antichi ed importanti settimanali di motori del Regno Unito.

Durata del programma: 22 stagioni (21 con il cast sopra elencato), dal 2002 al 2015

Libertà  di parola: Molta all’inizio, ma si può notare che, con l’aumentare del successo del programma, si è ridotta. Resta comunque superiore a molti giornalisti del settore.

Top Gear USA

Adam Ferrara – Attore comico. Il Pesce fuor d’acqua, non ha problemi ad ammetterlo, si può proprio definire “il diversivo comico”.

Tanner Foust – Pilota tutt’ora in attività (rallycross), rinomato stunt-driver in molti film hollywoodiani (Fast and Furious su tutti).

Rutledge Wood – Dimostrazione che, sovente, l’apparenza inganna. Panza e barbetta, proveniente dal profondo Sud (NASCAR Country), opinionista proprio della nota serie di Stock Car. Verrebbe da bollarlo come redneck, eppure ha una grande conoscenza anche della storia e cultura dell’automobilismo in genere.

Durata del programma: 5 stagioni (al momento), dal 2010 ed è ancora in onda.

Libertà  di parola: Secondo me non tantissima; dopo la prima stagione, che aveva un format simile a TG UK, è stato cambiato ed ora ogni episodio è principalmente composto da una challenge (una di quelle sfide dove comprano veicoli usati e viene data loro una “missione” da portare a termine). Questo significa che molte delle opinioni vengono date su veicoli oramai fuori commercio, in modo da non impensierire la lobby di Detroit.

Altre edizioni

Top Gear Francia è appena iniziato, Top Gear Russia è stato cancellato dopo una stagione, Top Gear (Sud) Corea è ancora in corso ed ha quattro stagioni all’attivo, ma, non avendolo mai guardato, non posso discuterne come fatto sopra per gli altri. In quanto a Top Gear Australia… E’ finito come secondo me finirà l’edizione Italiana, se ci arriva. Con cambi di presentatori, bassi ascolti (dopo un inizio tuttavia soddisfacente, probabilmente spinto dal successo dell’originale inglese), è stato cancellato alla quarta stagione. Gli episodi che ho guardato a suo tempo mostravano un forte tentativo di copiare dall’originale (TG UK), senza aggiungere qualcosa di diverso, come fatto dagli Americani.

Premesso quanto scritto sopra, ecco, secondo me, ciò che accadrà con Top Gear Italia. Ripeto, è una mia opinione, come sempre sarò felicissimo di essere smentito.

Con una tripletta di presentatori non molto vicini al settore delle auto di serie, secondo me dovranno affidarsi ad un forte team di scrittori. Anche Top Gear, sebbene nato come show spontaneo, negli anni è diventato molto predeterminato, spesso senza rovinare comunque l’intrattenimento degli spettatori. Questo perché i presentatori hanno sempre dato il loro input creativo e lavorato in tandem con la produzione, senza arrivare sul set “quando è ora di girare”. Aiuta, ovviamente, anche il fatto che si tratti per la maggior parte di gente competente.

Purtroppo qui in Italia abbiamo un modo particolare di trattare questi programmi esteri di successo, quando giunge il momento di adattarli e, reality a parte (che non richiedono un copione particolarmente dettagliato e si basano molto sulla presenza di figure “interessanti”) difficilmente hanno successo. Un esempio? La serie Inglese Wheeler Deales, tradotta come Affari a Quattro Ruote, in onda su DMAX e Discovery. L’edizione Italiana era (uso il passato perché non ho letto notizie di una seconda stagione) molto improbabile, con situazioni che difficilmente paiono realistiche. Anche l’originale negli ultimi tempi è divenuto molto “falso” (capita a tutti con la popolarità), ma mantiene comunque una certa parvenza di plausibilità.

Bisogna poi considerare il contesto Italiano: qui FCA ora, FIAT prima, fa da padrone. Voglio proprio vedere quanto imparziali saranno, e, nel caso lo siano, quanto resteranno in onda, contando che Sky (in particolare mi riferisco alle telecronache automobilistiche e, per sentito dire, motociclistiche) non è proprio un paradiso dell’imparzialità. (TeleFerrari e TeleVR46 anyone?) Qua da noi è impossibile essere imparziali. O, meglio, è impossibile apparire imparziali. Praticamente tutte le persone che conosco lo sono, anche parlandoci, ma “per vari motivi”, non sempre quando si tratta di scrivere lo restano. Questo vale per tutti, uomini e donne, giornalisti e blogger, che si parli di motori, tecnologia, economia, politica o cronaca. Pure io non posso (e non voglio) definirmi totalmente imparziale.

Sempre in virtù del contesto, da un punto di vista sociale Top Gear ha sempre avuto successo dato che sfrutta una serie di humour tipicamente britannici, composto di molte inside-joke (frecciatine autoreferenziali), self-deprecation, e opinioni forti su tutto. Sono cose di cui anche noi Italiani, secondo me, potremmo essere onestamente capaci, ma che, dopo n-esime riscritture di un copione, assumono spesso contorni irrealistici e tipicamente finti (vedasi esempio citato sopra).

Devo però dire che, anche se in declino, l’Italia è sempre stato un paese con una forte cultura motoristica. Se, dal 2007 ad oggi, puntate vecchie di anni, doppiate alla meglio (non è colpa dei doppiatori, è difficile rendere bene un’altra lingua, chi guarda anime sa di che parlo) hanno portato al successo che ha ora, è perché hanno riempito un buco. Certo, oggi esistono canali televisivi dedicati all’automobilismo, ma non hanno la diffusione di cui Top Gear ha goduto negli ultimi anni. A memoria, se non lo hanno cancellato, c’è solo un programma sulla RAI dove si “provano” auto. A parte quello, c’è il TG2 Motori, che però, per ovvi motivi, punta sull’informazione e non sull’intrattenimento. E, bisogna dirlo, secondo molti meriterebbe di più che una mezz’oretta la domenica, ma si sa, le risorse della TV di Stato son quelle che sono. Produrre reality e contenitori rende di più. Questo paragrafo serve a ribadire che, in caso di un buon prodotto, c’è la possibilità di successo. Probabilmente è ciò che ha spinto ad un accordo con la BBC per realizzare l’edizione Italiana.

In sintesi, non ero molto convinto della possibilità di realizzare un’edizione Italiana di Top Gear. La scelta delle persone, ad ora, mi convince ancora meno sulla bontà del prodotto finito. Tuttavia, quando uscirà, lo guarderò, almeno i primi episodi. Stranamente, negli ultimi tempi, ho una particolare tendenza a sbagliare le previsioni, quindi potrebbe rivelarsi un successo planetario.

La pagina originale da cui ho preso il Link dell’amico @sacco89 http://ciarpa.me/wp/index.php/top-gear-italia/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...