Melbourne: In & Out pagelline dal divano

Premessa.
Se Vandone di Sky motori fa le analisi tecniche in TV senza mai vedere una monoposto dal vivo in pista…perché non potremmo fare noi delle pagelline dal divano?  E infatti possiamo. I primi voti che trovate dopo ogni nome sono di Peppe P, più incentrate sull’andamento tecnico del weekend.
Le mie invece, D, più scanzonate, ma sempre con un occhio al weekend ovvio. Vedrete che spesso non saremo d’accordo, ma è proprio questo il senso di The wastegate.

Hamilton: P 10. Pole, vittoria, giro più veloce,ma soprattutto un messaggio forte e chiaro per il mondiale.
D 10 e lode. La lode perché si è permesso di dare del nano in mondovisione a Terminator…provate voi se avete coraggio.

Rosberg: P 8. Il primo round lo perde più in qualifica che in gara, dove ha un ritmo assai simile a quello del compagno.
D 7 Se il buon giorno si vede da Melbourne,  consiglio di farsi cresce i baffi che aveva il padre, magari trova in loro un po di grinta di Keke perché ne servirà molta contro questo Lewis.

Ricciardo: P 8. Il sabato vince il confronto interno con Kvyat, la domenica coglie un sesto posto che è forse il massimo considerato il potenziale attuale della Red Bull (o meglio della power unit Renault).
D 6,5 la redbull Non si vede molto, e per fortuna non hanno mantenuto la livrea camuflage, altrimenti…
Kvyat: P 6 di incoraggiamento. E’ tra i piloti impossibilitati a prender parte alla gara e questo gli vale un “in bocca al lupo” per il prosieguo dell’anno.
D s.v. non me la sento di dare la croce addosso al russo come invece fatto da certi (uno, inizia per V) giornalisti questo weekend. Da rivedere in Malesia.

Massa: P 8.5 Con una tattica diversa avrebbe potuto difendere  il podio. Comunque un inizio di 2015 molto positivo.
D 6,5 ok la buona qualifica, ok che era l’unico alfiere in corsa per Frank, ma mi aspettavo almeno il podio. Da rivedere, ma niente ceci dietro la lavagna.
Bottas P 6 di  incoraggiamento. Disastrosa quell’ escursione in q3: gli impedisce di ottenere la seconda fila, ma soprattutto gli causa il problema alla schiena che lo costringe a saltare la gara. Rimettiti presto e bene, Valtteri.
D s.v. spero non sia venuta l’ernia al pilota sbagliato in casa Williams..e non mi riferisco a Massa e non auguro niente a nessuno…ma Bottas é uno dei più attesi quest’anno…

Vettel: P 9- -. ok, la strategia non propriamente azzeccata della Williams, ma lui ha il grande merito di tirare forte nei giri che gli consentono il “leapfrog” ai danni di Massa.
D 8 sarebbe 10 per via di un casco finalmente serio e guardabile, ma quei 1,4 secondi in qualifica vanno messi in conto con una gara dove massimizza (uso questo termine per far contento Vandone) il potenziale della rossa.
Raikkonen: P 7.5. Week end dei rimpianti per Kimi. Errori suoi e del team, ma anche un pò di sfortuna, lo privano di punti importanti. La qualifica in scia a Vettel e il ritmo mostrato a pista libera dimostrano comunque un Iceman più in palla rispetto alla brutta copia del 2014.
D 7,5 con lode perché riesce a non mandare a quel paese i giornalisti italiani che gli chiedono se è contento del podio di Vettel dopo che ne sono successe di tutto manco fosse Maldonado.

Button: P 7. Ultimo e doppiato due volte. Ma non certo per demeriti suoi. Anzi Jenson è ammirevole per abnegazione e professionalità.
D 10  ma per i baffi alla Mansell meriterebbe anche 20. Si ha la sensazione che abbia spremuto il possibile dalla sua McLaren senza navigare tanto per navigare nelle retrovie. Ci mette molto di più della faccia…se prendeva un punto meritava una statua in mezzo al laghetto di Woking come il cristo del Corcovado.
Magnussen: P 6 di incoraggiamento anche per lui. Nel suo caso, poi, il rimpianto è doppio perchè, a differenza degli altri piloti non partiti, non avrà la possibilità di rifarsi visto che questo per lui era l’unico gp del 2015. A meno che….
D s.v. volare dall’altra parte del mondo per vedere la gara in TV. ..era meglio se si divanizzava come noi appassionati.  Lo rivedremo in MALESIA?  Ovvio, è il terzo pilota…

Hulkenberg: P 7.5. Solita e solida gara alla Hulkenberg. Poco appariscente, ma concreta assai.
D 6,5 non la ricorderemo certo come la sua miglior gara.
Perez: P 6+. In qualifica è solo un millesimo dietro il compagno di squadra, mentre in gara pasticcia un pò (vedi contatto con Button). Comunque a punti.
D 5,5 provare a distruggere la sua gara contro la Mclaren non è stata una buona idea, l’impressione è che con tutti i partenti al via i punti sarebbero stati difficili

Sainz: P 9. Il problema al pit stop e i danni riportati nel contatto del primo giro lo privano di un risultato migliore ma non gli impediscono di impressionare positivamente.
D 9,5 ci regala qualche testacoda, ma è pur sempre figlio di Carlos, ci stanno. Impressiona positivamente oltre ogni aspettativa, meritava di più.
Verstappen: P 8+. Meno efficace del team mate in qualifica, ma straordinariamente maturo considerato che parliamo di un diciassettenne. Peccato per il problema tecnico che lo mette ko.
D 8 con il casco in testa e la visiera scura non si vede che ha 17 anni…continuano a dire che sia troppo giovane, ma ho visto vecchietti fare peggio

Grosjean: P 6 di incoraggiamento. Anche per Romain l’impossibilità di giudicarlo visto il ritiro pronti via.
D s.v. e pensare che aspettava il motore Mercedes…a desiderare troppo le cose si fa peccato
Maldonado: P 5.5 Perde il confronto interno in Lotus al sabato, la domenica è vittima (forse non totalmente incolpevole) dell’incidente del primo giro.
D 10, lo spiego, che abbia torto o ragione la sua dote é trovarsi sempre in mezzo agli incidenti. Mica è facile, mica son cose da tutti…

Ericsson: P 7. Primi punti in carriera in F1 e la soddisfazione platonica di comparire al quinto posto nella classifica dei giri più veloci in gara. Ma Nasr lo bastona (e non di poco) sia in qualifica che in gara.
D 7 Uno svedese torna a punti in F1 e la NASA trova acqua in una delle lune di Giove…un caso?  Non penso.
Nasr: P 9+. Esordio da sogno per lui. Ok, la Sauber è tutta un’altra macchina rispetto al 2014, ci sono state tante defezioni e ritiri, ma lui -debuttante e impossibilitato a girare venerdi mattina per le note vicende- ha corso davvero bene.
D 10 riuscire a mantenere la calma nel weekend d’esordio nel weekend più brutto della storia della Sauber non deve essere stato facile. Avrà dipinto la Sauber in blu e giallo con il suo sponsor come dicono i maligni ben informati, ma il pilota lo sa fare eccome…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...