Back To The Future: scrive Mussolini

Le automobili e le case automobilistiche durante l’epoca dei totalitarismi erano di vitale importanza per i regimi perché arrivavano al popolo e ai media. Le imprese sportive
lo erano anche di più.  Mercedes, Auto Union, Alfa Romeo, Maserati, Bugatti, Gordini e molte altre erano il fiore all’occhiello da mostrare in giro per il mondo.
Mussolini in italia era molto appassionato di automobili, tanto da guidare lui stesso in molte occasioni le sue Alfa Romeo.
Aveva anche Il pallino che tutto dovesse essere prodotto in Italia e che tutte le parole straniere venissero tradotte ed usate in italiano. 
Lo storico di Motorsport magazine ha ritrovato da poco una lettera che Mussolini scrisse a Nicola Romeo il 9 Giugno del 26.
La lettera dice:
Gentile ingegnere Romeo
Ieri mentre guidavo la mia Alfa verso Firenze ho notato alcune cose
a) il magneto è tedesco ( bosch)
b) l’orologio è svizzero
c ) il clacson è francese e non funziona.
Non escludo che controllando a fondo potrei trovare altri “esoticismi” . E ‘ questo il modo di supportare l’industria italiana. Mi faccia sapere se in Italia non siamo capaci di costruire orologi o clacson.

Chissà cosa ne penserebbe oggi il duce degli adesivi Alfa sulla Ferrari, di Marchionne e della FCA…

image

Annunci

One thought on “Back To The Future: scrive Mussolini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...