ALONSO E L’OROLOGIO ROTTO

Che farà Alonso?

Resta in Ferrari? Va in McLaren? In Redbull? Punta al sedile di Hamilton? Lotus? Anno sabbatico? Si ritira?

Se ne sentono di ogni in questi Giorni e alla fine di questa telenovela ci sarà qualcuno che sicuramente dirà io l’avevo detto! Però sinceramente sarà come la storia dell’orologio rotto che, anche se rotto, due volte al giorno segna comunque l’ora giusta.

Di certo il Fernando che vediamo a Suzuka non è il solito Fernando. Teso, pensieroso. In Ferrari ha perso Montezemolo, non ha più l’amico di sempre Botin al fianco e con Marchionne chissà cosa potrà cambiare.

Lui è alla ricerca del terzo mondiale. Come disse tempo fa, con 3 mondiali si ritirerebbe sereno. La scelta che ha davanti ora è quella della vita. Tempo fa rifiutò la Redbull per la Ferrari non intuendone il potenziale di crescita. Ora sicuramente non vorrà sbagliare perchè non è più un ragazzino. Immagino il suo tumulto interiore, ma,nel caso, ci son piloti che si son ritirati con due mondiali o uno e sono sereni comunque.

In bocca al lupo a Fernando. La sua decisione cambierà di certo la faccia della Formula 1 dei prossime 2/3 anni.

Annunci

4 thoughts on “ALONSO E L’OROLOGIO ROTTO

  1. Con tre mondiali si ritirerebbe sereno? Mi appassiona di più che la mia gatta abbia sempre la ciotola di acqua fresca e i due piccioni rifugiati sul balcone abbiano sempre il loro cucchiaio di riso!

    Mi piace

  2. penso, che l’indole di un vero pilota sia quella di sedersi, allacciare le cinture, abbassare la visiera, portare al limite e gareggiare per vincere , il sentirsi soddisfatto dopo tre titoli mondiali, beh la vedo come una scusa, le somme si tirano a carriera conclusa, si lotta, si vince e si perde, ma i conti si fanno dopo…..non si gareggia solo matematicamente per un risultato, anche se di questi tempi l’abilità del pilota è appannata dalla macchina.
    Si vocifera da sempre che i veri piloti si vedono sul bagnato, ma credo che anche lì qualche astuzia elettronica ci sia ormai…… tutto è in continua evoluzione e chissà si sentirà sempre meno bisogno dei piloti per gareggiare nelle corse … a favore della sicurezza e dell’elettronica……

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...